I miei canali social

Caserecce integrali con melanzane grigliate

Caserecce integrali con melanzane grigliate
in collaborazione con Autogrill

Amici, continua la nostra estate all’insegna del gusto e del benessere.

Per le vostre pause in viaggio ho ideato due piatti unici, due insalate di pasta integrale fresche, buone e sane. E dopo le mafaldine, ecco a la ricetta delle mie casarecce integrali con melanzane grigliate, pomodorini semidry, feta, capperi e origano.

Mafaldine integrali con polpettine di ortaggi e legumi

Mafaldine integrali con polpettine di ortaggi e legumi
in collaborazione con Autogrill

Mangiare fuori casa senza rinunciare al benessere? Si può eccome! Per questo ho ideato due ricette che potrete trovare in tutti i ristoranti Ciao d’Italia per tutta l’estate! Due insalate di pasta integrale fresche, buone e soprattutto sane per rimettersi in auto con la giusta carica!

E se volete provare a rifarli a casa, ecco la ricetta delle Mafaldine integrali con polpettine di ortaggi e legumi, edamame, pomodorini semidry e mandorle.

Perché non utilizzo la farina 00?

farina

Molto semplice: è quella che ha meno benefici per il nostro organismo, perché è la farina più raffinata. Durante la lavorazione, infatti, vengono eliminate tutte le parti più nutritive, come ad esempio il germe, che è ricco di vitamine, sali minerali e aminoacidi, e la crusca, caratterizzata dalle fibre. E alla fine rimane solo l’amido, cioè zucchero puro. La farina 00, quindi, non apporta nulla di benefico al nostro organismo, anzi aumenta semplicemente il livello glicemico del nostro sangue.

La farina 0 è un po’ meno raffinata e mantiene alcune piccole parti di crusca, quindi più fibre.

La farina 1 è ancora meno raffinata, perciò ha un maggior contenuto di crusca e di fibre.

La farina di tipo 2, conosciuta anche come farina semintegrale, è un ottimo compromesso tra le farine raffinate e quelle integrali.

Quella integrale è sul podio, al primo posto, in quanto mantiene tutte le caratteristiche nutrizionali, quali vitamine, sali minerali e fibre.

In salute con Marco: il riso nero

In salute con Marco: il riso nero

Amici oggi parliamo di riso ma non di un riso qualunque, parliamo di riso nero. Un riso altamente digeribile e come tutti i risi privo di glutine, adatto quindi a chi soffre di celiachia. È un riso integrale, quindi ricco di fibre ed è un’ottima fonte di antiossidanti, come il selenio e gli antociani, che gli conferiscono il suo tipico colore nero.

Da un punto di vista nutrizionale il riso nero, come tutti i risi integrali, è preferibile al classico riso bianco: ha più vitamine e più proteine, ricche di lisina, un amminoacido essenziale di solito poco presente nei cereali.

Una curiosità, il riso nero è originario della Cina e oggi viene coltivato in Italia. Secondo la leggenda era molto apprezzato alla corte degli antichi imperatori per le sue proprietà nutrizionali afrodisiache, e per questo veniva chiamato riso proibito.

Come tutti i cereali amo abbinarlo ai legumi per una combinazione che rappresenta per me il perfetto mix della salute a tavola.

Una ricetta semplice: riso nero e fave. La trovate sotto il video!

 

Riso nero con straccetti di salmone agli agrumi

Riso nero con straccetti di salmone agli agrumi
in collaborazione con IKEA

Bello, buono e sano… ecco un piatto che regala piacere agli occhi e soddisfa nello stesso tempo gusto e salute! Le fibre del riso integrale incontrano le proteine del pesce e le vitamine degli agrumi per un mix di benessere a tavola!

Il riso nero è ricco di polifenoli ad azione antinfiammatoria, proteine e soprattutto tante fibre! Sono passati i tempi in cui le fibre si assumevano per dimagrire o per “svuotarsi”. Oggi è ormai assodato come l’assunzione di fibre ha una funzione protettiva ed è molto importante per la nostra salute. Il quantità consigliata dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è di almeno 25 grammi al giorno e il consumo regolare normalizza il moto intestinale ed è associato alla riduzione della colesterolemia totale e/o LDL, della glicemia e dell’insulinemia post-prandiali.

Le fibre inoltre svolgono anche attività prebiotica, stimolano cioè in maniera selettiva la crescita e l’attività, nel microbiota intestinale, di Lattobacilli e Bifidobatteri, i batteri “buoni” del nostro intestino. Insomma un intestino “attivo” è sinonimo di sistema immunitario forte e capace! Dove si trovano? Cereali integrali, legumi, frutta, verdura, oltre a frutta secca con guscio e semi.

Cerca sul sito