Torta al limone

Limone

Ingredienti

160 g farina di tipo 2

50 g di zucchero mascobado

40 g di succo di limone

Scorza di 1 limone

50 g dj yogurt greco senza lattosio

30g di olio di mais

140 ml di acqua

1/2 bustina lievito

Procedimento

Avete comprato i Limoni per la ricerca e sostenuto il progetto di Fondazione Umberto Veronesi, in collaborazione con l’azienda Citrus l’Orto Italiano? Ecco allora per voi la ricetta della mia torta al limone! Profumata, semplice e soprattutto sana, anche perché, essendo fatta con limoni non trattati, utilizza sia il succo che la scorza.

La ricetta è per una teglia di 15 cm di diametro. Con un frullatore a immersione miscelate tutti gli ingredienti liquidi (acqua, olio, yogurt, succo di limone) creando un’emulsione. Unite l’emulsione preparata agli ingredienti solidi, che avrete precedentemente mescolato insieme. Infornate per 30 minuti a 180°.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

81 commenti su “Torta al limone”

  1. Ciao Marco,
    che farina gluten free posso usare per la bimba celiaca? Riso, riso integrale o un preparato?

    Grazie di tutto, ti vogliamo bene.

    Rispondi
    • Ciao Alice, direi un preparato perché si avvicina di più ad una farina con glutine (in termini di risultato finale in quanto ben bilanciati gli ingredienti). Non l’ho comunque mai provata. Fammi sapere come viene!

      Rispondi
  2. Salve Marco… vorrei chiedere se è possibile sostituire il lievito con un po’ di bicarbonato… Grazie per l’eventuale risposta!!
    PS. Complimenti per tutto quello che fai!!!

    Rispondi
    • Ciao Claudia,
      sempre parlando di pura matematica con arrotondamenti 🙂

      FARINA 267
      ZUCCHERO 83
      SUCCO DI LIMONE 67
      SCORZA LIMONE 2
      YOGURT GRECO 83
      OLIO DI MAIS 50
      ACQUA 233
      LIEVITO 1

      Ciao,
      Valentina

      Rispondi
    • La tua teglia ha un’area che è 2,8 volte quella della ricetta, quindi moltiplica tutte le dosi per 2,8… o più semplicemente triplica le le quantità!

      Rispondi
    • Marco ciao, scusa la mia inioranza, ma io conosco solo la farina OO, la 1, la 2 che farine sono ?
      E anche lo zucchero Mascobado non lo conosco, oltre allo zucchero tradizionale io conosco lo Stevia.
      Grazie per la tua pazienza, vorrei tanto poter esserci a Locarno, ma non posso promettere.
      Se non potessi farteli personalmente i complimenti te li allego ora perchè l’entusiasmo che ci metti è veramente coinvolgente…, bravissimo!

      Rispondi
  3. Ciao Marco, per la fase della cottura in forno modalità statico e a quale livello?
    Hai una marca specifica da consigliare per il lievito o accortezze particolari per far riuscire la torta al meglio?
    Le mie torte alcune volte anche se le faccio riposare 10 minuti prima di toglierle dal forno si abbassano tanto!!
    Ho un ottimo forno un Neff …forse sbaglio qualcosa!!
    Grazie Marco…sei un grande!!

    Rispondi
  4. L’ho fatta ieri, ma mi sa che non è andata benissimo, è rimasta molto bassa e dentro sembra cruda. Vediamo la prox. Tu sei grande sempre, grazie

    Rispondi
  5. Ciao appena sfornata buonissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11 approvata anche dai bimbi come tante delle tue ricette grazie

    Rispondi
  6. Ciao a tutti alcuni di voi mi hanno scritto che la torta è venuta bassa. Quando si usa un ingrediente acido, come il limone, la lievitazione è più difficoltosa. Le dosi indicate e la cottura sono per una teglia di 15 cm esatti. Se usate una teglia più grande, dovete aumentare i tempi di cottura, e poi molto dipende anche dal tipo di forno. Piuttosto provate a fare tortine più piccole, anche monoporzione! Fatemi sapere! Marco

    Rispondi
  7. Ciao Marco! Grazie della ricetta! io ieri sera ho provato a farla raddoppiando esattamente le dosi perchè ho solo una tortiera da 30 cm. Effettivamente non mi è venuta alta e soffice come quella della foto, ma un po’ più bassa e compatta. Ciò nonostante il sapore è ottimo e l’hanno gradita tutti! Comprerò una teglia da 15cm e riproverò! Ma secondo te si potrebbe fare anche una versione al cocco o alle mandorle (sostituendo il succo di limone con latte di cocco/mandorla e parte delle polveri con farina di cocco/mandorle)? Proverò a sperimentare! Ciao e complimenti!

    Rispondi
  8. Ciao Marco, vorrei preparare la tua torta al limone, ma non essendo brava in cucina avrei bisogno di un chiarimento. Quale modalità devo usare per il forno? Statico, ventilato, accensione sopra e sotto…….Grazie in anticipo per la tua risposta.

    Rispondi
  9. Ciao Marco!! Vorrei fare la tua torta ma in questo momento non ho dello yogurt a casa, in alternativa posso usare del latte vegetale? Ho latte di riso e soia

    Rispondi
  10. fatta ieri sera è riuscita bene e buona,anche se il Marco che vive con me ci ha messo un po’ di marmellata perchè secondo lui era poco dolce.Stamattina secondo me era ancora più buona sicuramente la rifarò

    Rispondi
  11. Ciao Marco, anch’io avevo avuto problemi di lievitazione e di cottura al primo tentativo e quindi ho preso spunto dal tuo suggerimento e ho utilizzato le quantità da te indicate per preparare dei monoporzione…il risultato è stato migliore del precedente ma dalla foto postata la tua torta appare “morbida” mentre i miei muffins sono abbastanza “compatti”, io ho usato il cremor tartaro al posto del lievito classico, secondo te questo potrebbe influenzare il risultato finale? Meglio forno ventilato o statico? Grazie!

    Rispondi
  12. Ciao Marco il mio compagno ha un problema con gli acidi urici alti ed è spesso soggetto a gotta, considera che lui è una persona sportiva molto informata ed attenta nell’alimentazione. Ci hanno detto che il suo problema non dovrebbe dipendere dall’alimentazione però deve evitare i cibi che aumentano gli acidi urici oppure ne rallentano l’espulsione, tra questi ci sono tutti i prodotti integrali; è vero??

    Rispondi
    • Purtroppo si, ci sono anche i prodotti integrali… puoi comunque optare per alimenti che sono ricchi di fibre per loro natura senza necessariamente esser integrali, come ad esempio la quinoa o l’avena.

      Rispondi

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

WELCOME!

Cucinare è un vero e proprio atto d’amore: per noi stessi e per coloro a cui vogliamo bene!

Cerca sul sito