Pasta con pesto di rucola e salmone croccante

Ingredienti

320 g di farfalle integrali

150 g di rucola

400 g di salmone

100 g di feta

30 g di granella di pistacchi

30 g di semi di canapa

100 ml di spremuta di arancia

4 cucchiai di olio evo

sale

una manciata di pomodori secchi sottolio

Procedimento

Cuocete la pasta al dente e raffreddatela sotto l’acqua fredda.

Nel frattempo frullate la rucola con l’olio e la feta, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua solo se necessario. Spadellate il salmone in una pentola antiaderente, 2 minuti per lato, con la sola aggiunta di qualche granello di sale. Dopo aver cotto da entrambi i lati per due minuti, aggiungete la spremuta di arancia e lasciate caramellare, fino a che il succo non sarà evaporato.

Servite la pasta condita con il pesto di rucola, insieme al salmone spadellato, qualche pomodoro secco e la granella di pistacchi e semi di canapa, in superficie.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

8 commenti su “Pasta con pesto di rucola e salmone croccante”

  1. Ciao!grazie per le tue ricette, ho appena iniziato a leggere..” io mi voglio bene!” Il salmone è fresco? Si potrebbe usare quello fresco marinato con gli aromi? La mia pescheria di fiducia lo prepara sempre e lo mette sottovuoto. Grazie

    Rispondi
  2. Gent.mo Marco,
    grazie mille per I tuoi spunti e consigli sempre interessanti per piatti gustosi e sani.
    Volevo avere un’informazione sui pomodori secchi. Io li amo ma non so bene come comprarli. A volte li compro sott’olio oppure li trovo al mercato secchi. In quest’ultimo caso li posso usare così come sono o devo lavarli, sbollentarli con aceto (consiglio datomi dall’ambulante)? Il mio dubbio e’ che visto che sono stati all’aria non siano “puliti” anche se il sale che mettono sopra dovrebbe aver fatto da conservante.

    Ti ringrazio per la risposta

    Paola

    Rispondi
    • Confermo. Pomodori secchi: mille virtù! Sottolio vanno bene purché non venga aggiunto condimento al nostro piatto perché già gli stessi pomodori secchi sottolio rappresentano una fonte di grassi. L’ambulante ti ha consigliato bene, è quanto solitamente si fa. Io quelli sotto sale li risciacquo 20 minuti in acqua tiepida massaggiandoli con le dita, quindi li asciugo tamponandoli e rimetto in acqua, in frigorifero, pronti all’uso. Così si conservano una settimana.

      Rispondi
      • Grazie mille Marco. Ma quindi non li sbollenti con acqua e aceto ma li lavi e li metti in acqua in frigo. Se non riuscissi a consumarli in una settimana come potrei conservarli al meglio? Si possono conservare in frigorifero e poi lavarli quando occorre usarli?

        Ti ringrazio ancora

        Paola

        Rispondi
  3. Cucinata ieri sera.. temevo che il pesto di rucola fosse troppo amaro, invece è spaziale!
    Ho piacevolmente scoperto anche i semi di canapa, che non avevo mai assaggiato 🙂 Grazie Marco!

    Rispondi
  4. Ciao Marco, negli ingredienti ci sono i semi di canapa, ma nella ricetta non vedo dove e come usarli. Acquistati ma mai utilizzati, puoi spiegarmi meglio, grazie?

    Rispondi

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

Cerca sul sito