La mia frolla

frolla

Ingredienti

250 g di farina di tipo 2

80 g di zucchero integrale (meglio se velo o Mascobado polverizzato)

60 g di acqua fredda

60 g di olio di girasole bio

1 cucchiaino di lievito per dolci

Scorza di limone non trattato

Procedimento

Ecco una ricetta che mi chiedete sempre in tantissimi: la pasta frolla. Come prima cosa sciogliete lo zucchero nell’acqua, aggiungete l’olio e la farina all’acqua zuccherata, scorza di limone, quindi mescolate bene, fino a creare un impasto liscio che farete riposare per circa un’ora in frigorifero.

Una volta riposata, stendere la frolla, ricavate dei biscotti (oppure una base per crostata o dei fagottini) e quindi cuocete in forno a 180° per 30/40 minuti (modalità forno statico).

Potete riempirla come preferite, con la marmellata o con la ricotta. Se volete farle con una farcia di ricotta, aggiungetela alla frolla prima di infornare. Io la preparo amalgamando 250 g di ricotta, 70 g di zucchero a velo integrale, vaniglia in polvere, scorza di limone e, se vi piacciono, canditi o gocce di cioccolato.

frolla

Per approfondire:

Pochi grassi e niente alcol per evitare il fegato grasso

La dieta amara che salva cuore, fegato e pancreas

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

100 commenti su “La mia frolla”

  1. Caro Marco,
    seguo da tempo le tue ricette, anche nei tuoi libri. Potrei chiedere un favore? Mi piacerebbe molto che tu indicassi se il cibo preparato si può congelare o se, meglio ancora, è adatto ad essere cucinato il giorno prima. Come tanti, ho poco tempo da dedicare alla cucina e quando lo faccio posso preparare più cose. Grazie per il tuo impegno nel diffondere la cultura del cibo sano senza fanatismi e pseudo scienza. Grazie alle tue ricette, la mia famiglia è diventata flexitarian (quasi vegan a casa e liberi tutti se invitati, o fuori). Un riconoscente abbraccio. Laura

    Rispondi
  2. Io da quando l’ho provata la utilizzo sempre per le mie crostate per la colazione ed in famiglia apprezzano molto. E’ facile e veloce da preparare, gustosa e molto più leggera rispetto alla classica pasta frolla (a cui non ha niente da invidiare)

    Rispondi
  3. Caro Marco,ti ho conosciuto alla Prova del cuoco,purtroppo non tutti i prodotti che usi sono di mio gradimento,forse perché io e mio marito siamo anziani e abbiamo le nostre abitudini.La verdura e la frutta sono presenti sempre nei due pasti ma 1 o 2 volte anche la carne ,bianca e rossa,pesce ,fagioli ,ceci,insalata e altre verdure che coltiviamo nel nostro orto.Scusa se mi sono dilungata ma pensi che vada bene come ci alimentiamo o devo per forza aggiungere tutti i semi e altre cose che non so scrivere ?Io ti ringrazio farò la pasta frolla e le altre ricette che ho visto ,scusami se non uso gli alimenti che consigli ,ma niente burro solo olio ex e cotture semplici.ciao grazie.

    Rispondi
  4. Ciao! Grazie per la ricetta ! Volevo sapere quanto cacao dovrei aggiungere se volessi fare una variante al cioccolato, e se le altre dosi cambiano 🙂

    Rispondi
  5. Ciao Marco…io con l’impasto ho fatto i biscotti,ovviamente cucendoli per meno tempo. Erano ottimi! Peccato che siano durati solo il tempo della colazione…

    Rispondi
  6. Ciao Marco
    ti ricordo sempre con gran piacere. Auguri per tutto
    A Palermo hai fatto crescere il nostro Liceo in maniera splendida
    Un abbraccio

    Rispondi
  7. Ciao Marco, ho provato la tua frolla in diversi modi, crostata, tortine monoporzioni e biscotti e risultano croccanti appena sfornati, dal giorno dopo morbidi. È normale o forse li faccio cuocere troppo poco? Qual è il segreto per non fare fuoriuscire la marmellata dalle crostate in cottura?

    Rispondi
    • Ciao Serena, dipende dalla cottura. Personalmente qualche minuto in più la rende croccante e questa croccantezza resterà per giorni purché conservata in luogo fresco e asciutto; al contrario qualche minuto in meno permetterà di averla più morbida. Per la marmellata, se ricopri la superficie con la frolla, bucherellala con una forchetta, se invece non ricopri, basta che ne metti meno. Attenzione sempre alla temperatura del forno. Puoi anche renderla più croccante semplicemente omettendo il lievito.

      Rispondi
  8. Ciao Marco! Si può usare anche lo zucchero di canna? Questa ricetta basta per una crostata di 24cm di diametro? Grazie e’ complimenti per tutto quello che fai ( se puoi vieni anche in molise/abruzzo)

    Rispondi
  9. Grazie Marco, la tua frolla é diventata anche la mia frolla. Ottima e molto gradita da tutti in famiglia e non. Vale anche x tutte le altre ricette che ho provato grazie al tuo libro “Io mi voglio bene”. Continuerò a seguirti. Grazie ancora.

    Rispondi
  10. Ciao Marco, sono stata alla conferenza a Locarno con mia figlia il mese scorso, Ci è piaciuta tantissimo. Complimenti. Una domanda: per la pasta frolla posso usare anche l’olio d’oliva o meglio girasole come hai fatto tu? Grazie mille e cari saluti.

    Rispondi
  11. Ciao Marco, la preparo spessissimo ed è davvero buona!! Volevo farti una domanda: zucchero mascobado perché’ ti piace quello o c’è un motivo particolare? Un altro integrale, tipo il dulcita?cosa dici?

    Rispondi
  12. Ciao Marco e mille grazie per le sane e buone ricette che ci doni..inutile dirlo..il buon umore dipende anche dal sapore delle cose che mangiamo.. Ho soltanto una domanda…nella gamma delle farine Garofalo (pacco nero) al super vedo indicata la forza..w 170, W260, W350 ..ora, per dirla in soldoni, queste forze a che tipo di farina rispettivamente corrispondono?? Giusto per sapere cosa acquistare!
    Grazie mille e bacini a Vivienne <3

    Rispondi
    • Ciao noemi, la forza della farina dipende dalla maglia glutinica che si forma quando la farina incontra l’acqua. Farine con alta forza sono adatte a lavorazioni che prevedono lunghe lievitazioni così da trattenere meglio l’anidride carbonica prodotta nella fermentazione. Il glutine è capace di assorbire acqua per una volta e mezzo il suo peso, come fosse una spugna, quindi più forte è la farina, più contiene glutine, più trattiene acqua.

      Rispondi
  13. Ciao Marco complimenti per tutto! Ti seguo da tanto su Istagram, ma da poco ho iniziato a “sfogliare” il tuo blog. Sono molto contenta di aver scoperto che in quanto alla qualita’ e alla varietà degli ingredienti e cotture la mia e la tua cucina vanno di pari passo. Mi impegno al massimo per garantire la salute dei nostri 5 figli attraverso il cibo e… l’aria aperta! (Abitiamo in Trentino quindi di aria buona ce n’è parecchia) e viste le numerose gravidanze puoi immaginare di che portata sia stata la sfida di “recuperare” il mio corpo ogni volta… sto cercando di limitare al massimo gli zuccheri ma la stevia non mi piace gran ché, se usassi lo zucchero di cocco? Nel caso in che proporzioni lo devo sostituire? Grazie Marco buon tutto!

    Rispondi
    • E’ sempre zucchero! Sempre saccarosio, fruttosio e glucosio… qualsiasi zucchero si scelga: parsimonia! L’unico che non consiglierei è il fruttosio perché non adatto proprio a tutti…

      Rispondi
  14. Ciao Marco! Ma come mai segnali 30/40 minuti di cottura? Io ho fatto biscotti di 1 cm e mezzo circa e dopo 10 minuti si stavano già bruciando . Forno statico a 180 gradi ed ho usato farina di grano saraceno ed olio di mais. Cosa sbaglio? Devo farli più spessi? Grazie

    Rispondi
  15. CIAO MARCO BISCOTTI CON QST FROLLA POSSONO ESSERE USATI PER REALIZZARE IL TUO TIRAMISÙ E QUINDI INZUPPARLI LEGGERMENTE NEL CAFFÈ ?

    Rispondi
  16. Bella ricetta, che sto sperimentando adesso.
    Immagino che il lievito venga aggiunto alla farina, prima dei liquidi, giusto?
    Volendo fare una crostata con la composta, bisogna cuocere prima per un poco l’impasto e poi aggiungere la composta?
    Grazie!

    Rispondi
  17. Ciao Marco,
    Io ci ho aggiunto anche 50gr di mandorle che ho tirato ed aggiunto alla farina, poi ho riproporzionato le dosi dei liquidi in base al nuovo peso delle polveri. Buonissima !

    Gianluca

    Rispondi
  18. Buongiorno,
    Ieri ho provato questa frolla. Il risultato è stato buonissimo ho portato la crostata (con marmellata di mirtilli) a cena di amici ed ho avuto molti complimenti. L’unica cosa, non so cosa possa aver sbagliato, è che era molto morbida quando l’ho stessa non ce l’ho fatta a fare un panno, l’ho dovuta mettere direttamente nella teglia. Consigli? Grazie

    Rispondi
  19. Ciao Marco, fatta ieri crostata con ripieno di zucca e ricotta ( tua ricetta rubata da Instagram!). Ho usato tutta farina integrale e zucchero di canna, fatta riposare in frigo tutto il pomeriggio, ma quando ho provata a stenderla mi si è sbriciolata tutta 🙁 ho dovuto metterla nella teglia pezzo per pezzo…hai qualche suggerimento in proposito?? Grazieee

    Rispondi
  20. Ciao Marco buongiorno! Oggi voglio provare a fare la crostata con la tua frolla con il ripieno alla ricotta. Volevo chiederti ma nel ripieno va anche un uovo? O solo ricotta, zucchero, limone, vaniglia e gocce di cioccolato ? Grazie e complimenti per tutto

    Rispondi
  21. Ciao Marco, posso sostituire lo zucchero integrale, o mascobado, con destrosio? Che resa ha questo zucchero? Devo in caso diminuirne le quantità? Grazie

    Rispondi
  22. Ciao Marco, è possibile sostituire lo zucchero con il malto? Essendo liquido immagino cambino le dosi degli altri ingredienti….
    Grazie e complimenti,
    Sara

    Rispondi
  23. Salve a tutti
    Oggi ho fatto la prima volta la crostata ed é una delizia. Ho cambiato qualche ingrediente. Al posto dell’olio di girasole ho utilizato l’olio di colza svizzero ed come farina ho adoperato quella di spelta. Comunque é buonissima. Un saluto dalla svizzera.

    Rispondi
  24. Ciao Marco, potresti dirmi queste dosi per che diametro di teglia sono? Per capire, perché a me non escono mai le strisce.
    Grazie mille
    Francesca

    Rispondi
  25. Ciao Marco, innanzitutto complimenti … con le tue ricette non si sbaglia mai! 🙂
    piccolo consiglio: volevo utilizzare la tua ricetta della frolla per dei biscotti ma aromatizzandola allo zenzero…
    meglio estratto di succo? polvere oppure radice grattugiata?

    Rispondi
  26. Oggi provati i biscotti. Ho aggiunto alla tua ricetta cannella e zenzero e succo di arancia e limone in una dose e nell’altra ho messo meno zucchero mascobado e ho aggiunto uvetta bio. Fantastici. Il problema é che uno tira l’altro

    Rispondi
  27. Ho preparato dei biscotti con la tua frolla e… finalmente! Ho realizzato dei biscotti salutari e buonissimi anche per il mio bambino Li abbiamo divorati

    Rispondi

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

WELCOME!

Cucinare è un vero e proprio atto d’amore: per noi stessi e per coloro a cui vogliamo bene!

IL MIO NUOVO LIBRO

La nostra salute a tavola
La dieta mediterranea tra gusto, scienza e benessere

IL MIO NUOVO LIBRO

La nostra salute a tavola
La dieta mediterranea tra gusto, scienza e benessere

© 2019 Realize Networks. All rights reserved. Via Pier Candido Decembrio 28, 20137 Milano. P.IVA 06289710961 | Privacy Policy | Cookie Policy | Revoca Cookie

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001.

Cerca sul sito