Crema pasticcera

Crema pasticcera
in collaborazione con Zymil

È la crema più usata in pasticceria, servita al cucchiaio o per farcire le vostre torte, con cioccolato o frutti di bosco. Questa è la mia versione della crema pasticcera, leggera, profumata, senza uova e senza lattosio.

E con un tocco di curcuma, che le donerà un aroma inconfondibile e un colore brillante, oltre che preziosi nutrienti (la curcuma è ricca di antiossidanti ed è un ottimo antinfiammatorio).

Ingredienti

Procedimento

Preparate i vostri ingredienti di fronte a voi e iniziate a preparare la crema pasticcera. In un pentolino mettete il latte, aggiungete lo zucchero a velo, la bacca di vaniglia tagliata a metà, la buccia di limone grattugiata (solo la parte gialla) e un pizzico di curcuma che darà un gusto particolare alla vostra crema.

Aggiungete anche la frumina, che è amido di frumento, ideale per dare la giusta consistenza senza dover aggiungere uova come nella ricetta classica.

Portate gli ingredienti a bollore a fuoco dolce, mescolando in continuazione fino ad ottenere la densità e la consistenza desiderata.
Una volta pronta potete utilizzare la crema pasticciera come preferite, in un bicchierino con frutti di bosco o scaglie di cioccolato, oppure potete usarla per riempire la classica tartelletta con la frutta.

Crema pasticcera

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

3 commenti su “Crema pasticcera”

  1. Pretty nice post. I just stumbled upon your
    weblog and wished to say that I have really enjoyed browsing your blog
    posts. In any case I will be subscribing to your rss feed and I hope you write again very soon!

  2. I’ve been surfing on-line greater than three hours as of late, yet I never
    discovered any fascinating article like yours.
    It’s beautiful value sufficient for me. Personally, if all
    website owners and bloggers made good content material as you did, the net will be
    a lot more useful than ever before.

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

Cerca sul sito