Semplicemente IO: un nuovo progetto innovativo

Semplicemente IO: un nuovo progetto innovativo
In collaborazione con AstraZeneca e WALCE Onlus

L’alimentazione è un fattore di fondamentale importanza per la gestione quotidiana della malattia oncologica: offrire ai pazienti consigli utili, anche in tema di prevenzione delle neoplasie e alimentazione durante il trattamento, è uno degli obiettivi di un progetto innovativo a cui sono felice di dare il mio contributo. Semplicemente IO, con il patrocinio dell’associazione WALCE ONLUS (Women Against Lung Cancer in Europe), è un progetto che si occupa a 360° dei pazienti con tumore del polmone al terzo stadio e mi vedrà impegnato in questo senso tramite ricette e “pillole di salute” che verranno periodicamente condivise attraverso canali web e social.

Una dieta adeguata durante e dopo i trattamenti oncologici può essere un prezioso alleato, ad esempio limitando gli effetti collaterali (come le infiammazioni del cavo orale, stanchezza, disturbi a stomaco e intestino) che si possono presentare durante alcuni tipi di terapia, come chemioterapia e radioterapia. Un’accurata scelta nutrizionale può dunque esser d’aiuto per proteggere contro possibili disturbi intestinali, squilibri metabolici e ormonali.

Per quanto riguarda la colazione è consigliato variare le fonti di nutrienti: latte scremato e senza lattosio (che non infiamma l’intestino), alternati a bevande di soia, mandorla e avena con azione antinfiammatoria. L’ideale sarebbe accompagnare pane integrale (l’avena resta sempre e comunque la scelta migliore!) con marmellate senza zuccheri aggiunti (neanche il famigerato succo di mela concentrato), frutta fresca e frutta secca.

Il pranzo è spesso un momento difficile da gestire per inappetenza o mancanza di idee. Zuppa di verdure e miso (soia fermentata ad azione protettiva per l’intestino) o ancora una fresca insalata sono alleati della nostra glicemia, se consumati prima della portata principale: pasta, riso integrale, quinoa, farro o avena, utili come “carburante” della giornata, conditi con delle verdure.

Per cena è consigliato un piatto unico nato dalla combinazione di cereali (grano integrale, farro, orzo, miglio, amaranto) e legumi integrali (fagioli, piselli, lenticchie, ceci, fave, tofu, azuki), oppure pesce. In alternativa alle proteine vegetali, è possibile scegliere quelle animali, ma attenzione perché non sono apprezzate abbuffate. Uova o carne, preferibilmente bianca, vanno mangiati con più parsimonia e tra i formaggi è sempre meglio preferire quelli freschi come ricotta o caprino, Primosale, accompagnando sempre ogni pietanza con verdura o zuppa di verdura. Benvenuto al pesce azzurro, ideale nella sua semplicità con cotture al forno oppure a vapore, e impreziosito da aromi o zenzero che, in piccole dosi costanti, rappresentano un vero e proprio antinausea e antinfiammatorio naturale, così come gli Omega3 del pesce azzurro.

Fonti:

www.fondazioneveronesi.it

www.humanitas.it

www.aicr.org

www.wcrf.org

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

WELCOME!

Cucinare è un vero e proprio atto d’amore: per noi stessi e per coloro a cui vogliamo bene!

Cerca sul sito