La spesa in quarantena: i 25 indispensabili

La spesa in quarantena

Amici, in tanti mi chiedete come fare la spesa in questo periodo di quarantena, quando siamo in casa, ci muoviamo poco e cerchiamo di uscire il meno possibile, rispettando l’ordinanza vigente. Ecco allora la mia lista di 25 articoli indispensabili per un buon equilibrio nutrizionale, senza rinunciare a piatti buoni e gustosi!

  1. Pasta (meglio integrale: ci muoviamo poco e consumiamo meno verdure! Si alle fibre!)
  2. Riso (come sopra) e polenta
  3. Farro, couscous, orzo e quinoa
  4. Lenticchie/ceci/fagioli lessati
  5. Salsa di pomodoro
  6. Pomodori secchi sott’olio
  7. Vasetto acciughe
  8. Vasetto capperi
  9. Sgombro/sarde in scatola al naturale
  10. Olio evo/Olio di semi
  11. Caffè
  12. Ricotta fresca/pecorino
  13. Yogurt magro (greco)
  14. Latte a lunga conservazione
  15. Radicchio e indivia (meglio della lattuga perché si possono consumare anche cotte, nel caso in cui vengano dimenticate in frigorifero!)
  16. Zucca/carote/verza/cavolfiore
  17. Minestrone surgelato
  18. Spinaci/bietole/cime di rapa surgelate
  19. Farina di tipo 1 e 2
  20. Lievito disidratato in bustina (non fresco altrimenti si deteriora!)
  21. Bevanda di soia senza zucchero
  22. Prodotti per la casa e igiene intima
  23. Sacchetti per congelare (indispensabili qualora avanzasse qualcosa)
  24. Frutta (mele/arance/limoni/kiwi: la vitamina C è amica del nostro sistema immunitario!)
  25. Frutta secca (mandorle/noci/nocciole/pistacchi/pinoli/anacardi: mi raccomando non salati, evitiamo la ritenzione idrica fin dove possiamo, visto che ci muoviamo meno!)

Infine un consiglio, a proposito della vitamina D. Se è possibile, e senza uscire di casa, è importante esporsi al sole senza protezione per una ventina di minuti ogni giorno. Esporre braccia e polsi, viso, e senza vetro che filtra i raggi!

Con un’esposizione di questo tipo la dose prodotta di Vitamina D andrà da 1000 a 10.000 IU/giorno, in relazione a variabili che modificano l’assorbimento degli UBV quali: la latitudine, l’altitudine, le condizioni metereologiche, l’inquinamento atmosferico, il fototipo cutaneo, la superficie del corpo esposta, l’età e l’indice di massa corporea. I filtri solari vanno applicati solo dopo il tempo raccomandato per l’assorbimento degli UBV senza protezione, si è visto infatti che un SPF di 8 riduce l’assorbimento di vitamina D del 95% e un SPF di 15 del 98%. Per altre informazioni sul tema, visita questo link.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

WELCOME!

Cucinare è un vero e proprio atto d’amore: per noi stessi e per coloro a cui vogliamo bene!

Cerca sul sito