In salute con Marco: lo smart working

in collaborazione con Dyson

Amici, nell’ultimo anno tutti noi ci siamo abituati a passare molto più tempo in casa e sempre più persone si sono trovate a dover lavorare fra le mura domestiche, a volte ricreando un vero e proprio ufficio. Lo smart working, però, comporta un cambio delle nostre abitudini che può impattare sulla qualità dell’aria e sui livelli di inquinamento indoor. Il solo fatto di passare tante ore in casa ci porta ad esempio a dedicare più tempo alle pulizie, ad usare più detergenti e deodoranti per ambiente, che possono rilasciare sostanze inquinanti. Cuciniamo di più, anche solo per preparare il pranzo. E teniamo più accesi elettrodomestici e dispositivi elettronici, come computer e tablet.

Ecco allora in questo video alcuni consigli per affrontare lo smart working, prendendoci cura del nostro benessere e dell’ambiente in cui viviamo.

Insomma, se è vero che possiamo definirci la “Generazione Indoor”, visto che trascorriamo fino al 90% del nostro tempo in spazi chiusi, impariamo a prenderci cura del nostro benessere a partire dalla nostra casa.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

Cerca sul sito