Il decalogo della prevenzione: cereali integrali, legumi, frutta e verdura

Il decalogo della prevenzione: cereali integrali, legumi, frutta e verdura
in collaborazione con UniSalute

Amici continua il nostro viaggio insieme ad UniSalute nel mondo della prevenzione. Un progetto a cui tengo molto perché affronta il tema che mi è più caro, rivolto in particolare alle donne ma con consigli e suggerimenti utili per tutti, per scoprire come bastano a volte semplici pratiche quotidiane, piccoli accorgimenti per tutelare la nostra salute. Abbiamo visto come sia fondamentale tenere sotto controllo il proprio peso e quanto sia importante evitare una vita sedentaria. Oggi iniziamo invece a parlare di alimentazione, e in particolare di quella che per me è la regola fondamentale, caposaldo anche della dieta mediterranea: consumate sempre molta frutta e verdura, ricche di fibre e vitamine, legumi e cereali integrali. Insomma, aprite la vostra tavola al mondo vegetale.

Cereali non raffinati: quando parliamo di cereali (pasta, pane, riso, farine) è sempre preferibile l’utilizzo di quelli integrali. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) consiglia di aumentarne il consumo per contrastare obesità, malattie cardiovascolari e diabete. In particolare, sono fondamentali per incrementare l’introito quotidiano di fibre (il valore considerato ottimale è intorno ai 30 grammi al giorno), senza dover ricorrere ad integratori. A questo proposito un consiglio: se la vostra dieta è povera di fibre, iniziate ad introdurle gradualmente, aumentando ad esempio progressivamente l’utilizzo di cereali integrali (un cambio di regime drastico potrebbe portare a disturbi intestinali).

Insieme ai cerali consumate i legumi. Molti studi dimostrano che cereali e legumi forniscono un apporto completo di nutrienti che lavorano in perfetta sinergia: oltre alle fibre, carboidrati (che dovrebbero costituire il 55%-60% dell’introito energetico giornaliero), proteine vegetali (0,83 gr per chilo di peso corporeo per adulti e anziani), senza dimenticare l’apporto di vitamine (vitamina B1, B2, B3, B6, acido folico, Biotina) e composti bioattivi importanti (fitosteroli). Ad esempio, un piatto unico con ceci, fave o piselli da una parte e orzo, riso integrale o farro dall’altra non è solo buono, ma sazia, fa bene e protegge l’organismo da malattie croniche, cardiovascolari e alcune forme tumorali.

E infine tanta frutta e verdura. Quanta al giorno? La regola è sempre quella delle 5 porzioni: due di verdura e tre di frutta. Per una porzione si intende un frutto (2 o 3 frutti piccoli), un’insalata, mezzo piatto di verdure cotte o crude, una coppetta di macedonia oppure un centrifugato.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Altri articoli interessanti

WELCOME!

Cucinare è un vero e proprio atto d’amore: per noi stessi e per coloro a cui vogliamo bene!

IL MIO NUOVO LIBRO

La nostra salute a tavola
La dieta mediterranea tra gusto, scienza e benessere

IL MIO NUOVO LIBRO

La nostra salute a tavola
La dieta mediterranea tra gusto, scienza e benessere

© 2019 Realize Networks. All rights reserved. Via Pier Candido Decembrio 28, 20137 Milano. P.IVA 06289710961 | Privacy Policy | Cookie Policy | Revoca Cookie

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001.

Cerca sul sito